Archivi del mese :

luglio 2018

Colm Tóibín, non ci sono più dèi nel cielo degli uomini 1024 576 alemezlo

Colm Tóibín, non ci sono più dèi nel cielo degli uomini

Dici quei nomi, evochi le ombre, e subito tutto attorno si diffonde un odore di vecchio. Perché di loro, di Clitennestra e Agamennone, di Ifigenia, Elettra e Oreste, ne sentiamo…

maggiori informazioni
Quando Pessoa inventò la morte della Grande Bestia 1024 768 alemezlo

Quando Pessoa inventò la morte della Grande Bestia

Uno era il poeta dell’inquietudine. Uno scrittore che, dentro di sé portava un baule pieno di gente, secondo la definizione di Antonio Tabucchi. Perché Fernando Pessoa si era votato alla…

maggiori informazioni
Pordenonelegge, dal ricordo di Cappello a un autore da Oscar 1024 1024 alemezlo

Pordenonelegge, dal ricordo di Cappello a un autore da Oscar

Uno sguardo nel giardino di casa e un volo libero con gli occhi a cercare l’orizzonte più largo. L’edizione numero 19 di Pordenonelegge non dimentica gli scrittori che hanno portato…

maggiori informazioni
Fahrenheit 451, tutto cominciò con una passeggiata 1024 723 alemezlo

Fahrenheit 451, tutto cominciò con una passeggiata

Come tutti i capolavori, “Fahrenheit 451” si porta appresso una condanna. E sì, perché il romanzo di Ray Bradbury è ormai diventato modo di dire, punto di riferimento dell’immaginario collettivo,…

maggiori informazioni
Ghost Harmonics, un viaggio sonoro dentro di sé 271 186 alemezlo

Ghost Harmonics, un viaggio sonoro dentro di sé

Per Brin Coleman, la musica è un viaggio verso l’ignoto. Uno scoprire, grazie al suono, come imparare a esplorare i proprio pensieri, le paure che restano intrappolate nel profondo, i…

maggiori informazioni
Mariantonia Avati, dentro gli assordanti silenzi di Maria 500 333 alemezlo

Mariantonia Avati, dentro gli assordanti silenzi di Maria

Il suo silenzio, sotto la croce, lascia senza parole. Perché non si può assistere alla morte atroce, infamante, ingiusta di un figlio senza un lamento, senza un grido di rabbia…

maggiori informazioni
Yorgos Lanthimos, non si sfugge al “Cervo sacro” 1024 576 alemezlo

Yorgos Lanthimos, non si sfugge al “Cervo sacro”

Siamo figli di un mondo arrogante, nipoti di una cultura che si illude di sapere tutto. E pronipoti di quei finti iconoclasti che, come diceva lo psicoanalista e scrittore James…

maggiori informazioni

Subscribe to our newsletter