LIBRI

Giulio Cavalli: “Come si aprono le porte alla barbarie” 1024 682 alemezlo

Giulio Cavalli: “Come si aprono le porte alla barbarie”

Basta superare il limite di poco. Rinunciare, anche solo per un attimo, a ragionare, a sentirsi in sintonia con l’altro. Abbandonare il porto sicuro dell’empatia, del fare parte di una…

maggiori informazioni
Andrea Tarabbia: “Gesualdo da Venosa, l’orrore che genera bellezza” 1024 576 alemezlo

Andrea Tarabbia: “Gesualdo da Venosa, l’orrore che genera bellezza”

La bellezza e l’orrore possono convivere sotto lo stesso tetto. E, a volte, è proprio l’orrore a generare una bellezza cristallina. Dal momento che il tormento più oscuro, più atroce,…

maggiori informazioni
Laura Pariani: “Il mio profeta eretico per il Campiello” 1024 647 alemezlo

Laura Pariani: “Il mio profeta eretico per il Campiello”

Laura Pariani è una vera macchina da romanzo. Da molto tempo, non scivola via l’annata editoriale senza che esca un suo libro nuovo. E la qualità del suo lavoro, bisogna…

maggiori informazioni
Paolo Colagrande: “Siamo imperfetti, ma chi lo ammette?” 1024 768 alemezlo

Paolo Colagrande: “Siamo imperfetti, ma chi lo ammette?”

Un Campiello l’ha vinto, 12 anni fa. Quello assegnato alla migliore Opera Prima, con il romanzo “Fideg”. Da allora, Paolo Colagrande non ha mai smesso di sognare che un giorno…

maggiori informazioni
Francesco Pecoraro: “Il mio sguardo di architetto sulla Città di Dio” 1024 576 alemezlo

Francesco Pecoraro: “Il mio sguardo di architetto sulla Città di Dio”

Francesco Pecoraro non è un inventore di teoremi. Quando pensa un libro non inmmagina storie che, per forza, devono seguire una traiettoria lineare, definita, immutabile. No, l’architetto che ha debuttato…

maggiori informazioni
Romana Petri, il fascino irresistibile e perverso dei “Pranzi di famiglia” 1024 406 alemezlo

Romana Petri, il fascino irresistibile e perverso dei “Pranzi di famiglia”

Capita spesso che le giurie dei premi più importanti si facciano una bella dormita. Finendo per dimenticare, trascurare, penalizzare alcuni romanzi forti, significativi, pubblicati nel corso dell’annata letteraria. Quegli stessi…

maggiori informazioni
Frédéric Dard, viaggio nella vertigine del “Montacarichi” 1024 674 alemezlo

Frédéric Dard, viaggio nella vertigine del “Montacarichi”

Possono bastare due personaggi. Un uomo e una donna, due anime perse che si ritrovano nella notte della viglia di Natale. Sì, possono bastare loro due per costruire un perfetto…

maggiori informazioni
Roberta Scorranese, raccontare il passato per ritrovare se stessi 1024 682 alemezlo

Roberta Scorranese, raccontare il passato per ritrovare se stessi

Ci sono ricordi che hanno bisogno del tempo giusto. Perché sono troppo belli, troppo forti da raccontare. Perché assomigliano all’impasto perfetto che serve a scrivere un buon romanzo. Perché, soprattutto,…

maggiori informazioni
Fausto Coppi, la leggenda è fatta di voci 1024 722 alemezlo

Fausto Coppi, la leggenda è fatta di voci

Dicono che il Giro d’Italia più duro, Fausto Coppi lo vinse subito dopo la fine della Seconda guerra mondiale. Non nel 1940 o nel 1947, non nel 1949 o nel…

maggiori informazioni
Antonio Iovane, il sogno (armato) della rivoluzione 1024 683 alemezlo

Antonio Iovane, il sogno (armato) della rivoluzione

“Il rifiuto puro e arido è malvagio”. Lo diceva Pier Paolo Pasolini, quando contestava ai contestatori, ai sessantottini, e poi a tutte le ondate future di ribelli, “di avere pronunciato…

maggiori informazioni

Subscribe to our newsletter